· 

Fatti tagliare il naso

e"Fàmmete taglià lu naso!'

 

Quante volte da piccoli ci è stato fatto, dai papà, dalle mamme o dai nonni il gioco di stringere il nostro naso tra le nocche e far finta di staccarlo.

Ecco una fiaba,  raccontatami da bambino che mi ha sempre stupito ascoltandola. Narra di  tre fratelli poveri che uno alla volta vanno al servizio di un Signore di Omignano, chiamato “Altezza Reale”.  

Il signorotto, però aveva una strano modo per farsi ubbidire, non amava eccessi di collera ed impose una strana condizione affinchè i tre lavorassero presso di lui; il primo che si fosse arrabbiato, lui compreso, o avesse litigato gli sarebbe stato tagliato il naso.

I primi due fratelli, più litigiosi, raramente rispettavano il patto e di conseguenza il Signorotto dopo varie traversie fece rispettare la sua “legge” tagliando a loro il naso ed entrambi perirono. Il terzo, più furbo, sfuggiva continuamente ai tranelli del padrone che frequentemente lo metteva alla prova, anzi era talmente furbo che trovò il modo di mangiarsi una capra al giorno distruggendo  un intero gregge e vendendo alcuni maiali del padrone traendone profitto.

Ma capitò, un giorno però che per errore il povero pastore uccise, per sbaglio, la moglie del Signorotto mandando lo stesso su tutte le furie,  ed è lì che il patto scellerato fra i due si impose, al Signore fu tagliato il naso ed il povero divenne “Altezza Reale”.

Allora / ngèra na vota nu patre / ca tenia tre ffigli / e se muriano re fame/ iètte lu primo / ricette accussì ricette rice ué papà / io voglio ié a patròne / iovoglio ié a patrone / recette accussì ma addù vuo ié figliu mio ca nun si assùto mai ra la casa / addù vuò ié / ah / voglio ié a patrone / ricette / pigliao / se nne iette / e truvao nu paese vicino ... / l'Umignàno ... / allora ricette accussì rice ... / pigliao rIcette rice ué chi mme vale a patrone ué chi mIne vale a patrone ué chi mme vale a patròne / ah / assette altezza reale / rice uò vené a patròne ccù mmico? / eh / sire / ricette / però ama fa lu patto ca chi primo se ngazza se taglia lu naso / eh! / ricette iddo / veramente quannu fu la matina appriesso piglia na massarìa re crape / rIcette va li ppasci và / ricette / chisto è lu tòrtano / màngiange tu / ranne a lu cane/ e tòrnalu sano / chisto è lu fiasco / vìvinge tu / ranne a lu cane / e tòrnalu sano / e ogni matina re ricia accussì / ma come è pussibile ca ogni matina mme rici accussì / rece ma / io mme moro io re fame / ricette / ah / allora te si ngazzato / fàmmete taglià lu naso / re tagliao lu naso / e murette chiru uaglione. Pigliao .. / chiràto frate poi / chiro avia prumiso ca re mannava na cosa a la casa / eh / fràtimo nu mmanna niéndi / ne murìmo re fame / voglio ié a patròne / ma pigliao e ghiette / iette / arrivao a chiru paese pure Ilu primo e facette tale a quale a lu frate / ué chi mme vole a patrone ué chi mme vole a patrone assette altezza reale / uò vené a patrone ccu mmico? / si re / ricette / però ama fa lu patto / ca chi primo se ngazza se taglia lu naso / chi primu se ngazza se taglia lu naso / eh! / ricette / quannu fu la matina re rette la massarìa re crape / e dicette accussì / và li ppasci / chistu è lu tòrtano / màngiange tu / ranne a lu cane / e tòrna lu sano / chistu è lu fiasco / vìvinge tu / r anne a lu cane / e tòrnalu sano / àspita! / in tutti mori na matina ricia accussì / e n'ata matina ricia accussì / chiru pò se murìa re fame / recette rece ma / ogni matlna mme rici accussì / ma io mme mòro re fame / recette ma che ti si ngazzàto? / si ti si ngazzàto / fàmmete taglià lu naso / pigli au re tagliao lu naso / e murette pure iddo. Poi l'ùrdimo ... / iette l'ùrdimo ah papà / io voglio ié pure io a patrone / voglio ié pure io a patr6ne / pigliao e ghiette / iette / iette a patrone / iette lu stesso a chiru paese / e dicette accussì recette ree e / ué chi mme vole a patrone ué chi mme vole a patrone / assette altezza reale / ricette uò vené a patrone ccù mmico? / sire / però ama fa nu patto / ca chi primo se ngazza se taglia lu naso / ca chero vao truvanno / ricette iddo. Veramente pigliao / quannu fu la matina appriésso / rece chesta è la massaria re crape / chisto è lu tòrtano / màngiange tu / ranne a lu cane / e tòrna lu sano / chisto è lu fiasco / vivinge tu / ranne a lu cane / e tòrnalu sano / iette chiro / iette ddà / nzimma a mundagna / truvao nu saccu re léuna / facette nu bellu fuoco / accerette na crapa / la mettette nzimma la vrasa / a' facette arroste bbona bbona / a' facette còce / pò pigliao lu tòrtano / lu secào tanto tuorno tuorno tuorno ca rumanette nu filìddo in do fino fino fino fino fino fino / poi / pigliao u fiasco re vino / s'u vevette tuttu quanto / e poi pigliao e lu ienghiètte r'acqua / quannu iette addù altezza ma poi io t'avia ritto ca l'avivi purtà sano! / ma ppecché n'è ssano? / spezzato nunn'è / è ssano / che bbai truvanno / eh / lu fiasco ... / ma / è chino? / si era vaco putivi truvà nu pilo / ma chi sto è echino / in tutti mori ogni ghiuorno acciria na crapa / ogni ghiuorno acceria na crapa / fino ca fernèro le crape / fernèro le crape / recette altezza reale ricette ma .. / che bbuò fa te nne vuò ié mo a ricette / eh / stau tantu bello ccà mme nne vogljo ié? / ma tu si paccio / ricette.

Allora pigliao ricette accussi recette ... / ah / ngera nu bosco / ca era lu bbosco Ili làzzari / chimonga nge ia ddà nun se nne turnava nisciùno / quannu ca ../ pigliao re iette a'accattà quattu puorci / ricette tu / ara ié a ppasce sti puorci / però l'ara ié a ppasce int'a chiru bbòsco ddà ricette / eh / ricette / tanno nge vao int'a chiru bbosco / quannu me rati nu pelùso ... / e mi ienghiti le ssacche re nuci / veramente se ienghiètte le ssacche re nuci / se mettette u pelùso intu la sacca / e ghiétte / ccù li puorci nnanti / uski uski uski uski uski / chiri li lazzari cume lu sentèro ca tt'asette intu ... / ca vutava li puorci / subito re iero ncontro / e ghià / tu ara vené ccu nui / tu a ra vené ccu nui! / ree e e che .. / e che vuliti? / ricette / io tengo li puorci / ah / ara vené ccu nnui / Iàssali stà li puorci / ca li puorci se pasceno suli / ma io pò li pperdo / ricette / chiru pò lu patrone va truvannu pili / ma chisti pascenu suli / nun t'appaurà / ricette. Veramente ricette eh ! / pigliao e ghiette ccù Iloro / figlia mia iero ddà / lu facero ma ngià e bbeve / lu facero r epusà / e poi re prepararo lu Iietto ppe 'u fa curcà 'a sera / a llora chistu quannu iette ppe se curcà int'au Iietto se vutao a l'ario a primo ngera na ròta accussì re mulino re preta .. / iustu nzimma lu lietto / ricette ma / si chera care stanot te / nu mm'accére ccà sotta / ricette / ah / io cca nun nge rormo / piglia o tutte le nnuci ca erano int'a le sacche / le spannette int'a lu lietto ra auto a bbascio / pigliao e se iette ammette fore la fenestra / quannu fu mpuntu mezzanotte / facèro scenne chera caspita re rota / l'a l'ario la facero  scenne / carette nzimma lu Iietto / allora chere nnuci faciano ta ta ta ta ta ta ta ta ta ca se ruppi ano no / faciano chiri l'a dda nzimma sienti / sienti cher'ossa cume se squartano / sienti cher'ossa cume se squartano / quannu fure .. / quannu fu ca se la turnaro a tirà n'ata vota iette currennu currennu s'arrunao tutte quante le .. / chere e se feccao int'a lu lietto / chiri currero ddà sotta astuti astuti / e chil'o facia a bberé ca rurmia / cume nienti fosse stato / eh / che è / che è? / eh / nienti / ca stanotte nu muzzeco re polece nu mm'à fattu rorme / che è? / nienti! eeh / nu mm'à fattu rorme nu muzzeco re polece / recero chiri caspita / na rota re mulino / nu muzzeco re polece? chistu è cchiù fforte re nui / è mmeglio e nn'u mannamo / ah / ricette accussi / ma te nne vuò iere / ricero chiri / ah / ma addù mme ne voglio ié? stau tantu bbello ccà / avita ié a piglià prima li puorci / si mme ne vuliti fa ié / ah / ma li puorci te le ghiamo a truvà / ricero / pigliaro / se mettero ncamino / re ie1'o a truvà li puorci. Allora chistu ccà se pigliao li puorci / e se le ssecutava nnanti / quannu ca se le ssecutava nnanti / no / chiri faciano fra di loro come / chimonga ngébbenuto ccà / nun se nnè turn ato nisciuno vivo / chisto n'ama fà turnà? e allora po’ esse ca chisto è cchiù pputente re nui? / iamulo a arrivà e accirìmulo / iamulo a arrivà e accirìmulo / chiru / pigliao / quannu verette ca chiri stiano arrivanno / s'a penzao chisti mme veneno a'ccere / pigliao e se mettette e gguardava a l'ario accussi / ato ca uardava a l'ario / recero chiri e che fai ca uardi a l'ari o / che è ca uardi a l'ario? / eh / m'a scuntato uno a 


cavaddo a nu ciuccio / r'aggiu rato nu cauci / e mme stau vutanno a l'ario ppe bberé addù caspita è arrivato / àspita / ricero chiri / uno ncavaddo a nu ciuccio / r'è chiavato nu cauci / l'a fattu ié tanto a l'ario chi nu lu vere mangu add'è arrivat o / chistu è chhiù putente re nui / è mmeglio e nne turnamo ... / poi iano fac enno ppe la via / ma possibbile mai / ca chi sto mo a datu nu cauci a uno ccu nu ciuccio / e l'a fatto / chi sto è ffatto ppe nne piglià ngiro / nunn'è Ilu vero / turnamune e ghiamulo a accére / turnàmune e ghiàmulo a accére. Figlia mia torna ... / c6rreno / quannu stiano arri vanno ricette accussi / se vutao mbacci a loro .. . / pigliao se calào nterra e facette a bberé ca pigliava na prèta ... / ppe se piglià u peluso int'a le mano / int'a la sacca no / viniti ccà si teniti lu curaggio / viniti ccà / u bbì cume èsse lu zuco l'a sta prèta / accussì fazzo assé la merodda ra inda la capu vostra / chiri se fermàro e guardàro / uarda nu poco / a pigliato na preta nterra e face assé lu zuco / vì cche fforza ca tene / turnam6nne turnamonne ca chistu nu .. / ca chistu è chhiù forte re nui / chiri se turnàro e chiru passào lu bbosco. Passàu lu bbosco / poi ... / quasi mbacci la casa re stu ... altezza / ngera na frana I tantu ròssa e tantu ròssa ca cché I ah cioè I piglia e re scuntàro li marcanti I re scuntàro li marcanti re ricero né bellu gio te vuò venne sti puorci? I rece eh e quantu mme rai I rece ma io mme sèrveno l'aurécchie e la cora / mme sèrveno l'aurécchie e la cora I ah ma nui iamo a lu maciello I che nne le bbulìmo fà le ccuri e l'aurécchie I te le ddào ricette I cumbinào li puorci e se vennette li puorci I iette a lu maciéllo se pigliao l'aurécchie e le ccùri I e se nne iette.

 

Allora iette addù chera frana ca era tanti ròssa I no I e mbizzào ddoie aurécchie e na cora I ddoe aurecchie e na cora I e se facette la forma llu puorco I recette accussì. .. I quannu iette pò addù altezza ricette oh altezza nun sapissive che è succiéso I quannu sò passato ppé chéra frana I se sò affunnàti li puorci I se so affunnàti e so rumàsi sulu ccù l'aurécchie e ccù la cora ra fòre I si mme li bbuliti vené a' aiutà a tirà vui I figlia mia vaie altezza rece .. I iette ddà I iette ddà figlia mIa I eh rece mo ama fà una forza facia I unu tirava l'aurécchie e n'ato tirava la cora I ricette chiro facimo uno due e tre I quannu ricèro tre iette chiru tirào forte bùmpiti e chiavào a la mmèssa I s'azzangào tuttu quanto I recette eh ma ccà nge vòleno li stivali I virìti na cosa I se sù fatti tantu ruossi sti puorci I ca ... I se so spezzate la cora e l'aurécchie ma loro nun se nne so bbenùti I ccà nge vòleno li stivali ricette altezza I recette và a la casa e bbà piglia li stivali. Figlia mia iette a la casa ricette accussì uéeh I ricette a le ffiglie I vui. .. I à ditta pàrito ca m'aggia spusà a bbùi I m'aggia spusà a bbùi I ma come te vuo spusà a nnui ma si ppaccio riciano chere I e chiamatélo e bbiriti I ma tutt'e ddoie Ichiro pò tenìa roie figlie I ma tutt'e dd6ie o sulu una I tutt'e ddoie tutt'e ddoie io m'aggia piglià a vvui I a tutt'e ddoie I ma ... chiru papà è ppàccio I allora affàcciano a lu balcone e chiamàro né papà né papà I ma veramente una o tutt'e ddoie? I chiro ricìa li stivali I e chera se creria ...


I ma tutt'e ddui ma come mme nne vuliti piglià uno.:. I se creria li stivali I tutt'e ddui i stivali m'avita mannà I ma chiru papà è paccio ma chiru papà è paccio ... Quannu se nne iètte a la casa I iéro le ffiglie se menàro mbacci lu patre ….ma che nè papà ma si paccio ... I ca poi ne iamo a piglià a spusà a chisto I rece ... I oh stu ccà stu ddà m'a ditto accussì m'a ditto accuddì I ma nun te nne vu6 iére ricero .. I ma io stau tantu bello ccà I recette m6 ppecché mme n'aggia ié lallora tu te stai sembe ccà nun te nne vuò iére ricette mai I ah sà quannu mme ne vao? I quannu canta lu cuculo I quannu canta lu cuculo mme nne vao I la muglière u ' ssentètte I se iètte a mmétte nzimma lu purtuàllo I e facia cu-cu cu-cu cu-cu I figlia mia chIro ... I eh canta lu cuculo ricette altezza I si te nne vuo ié canta lu cuculo I addù v'è addù v'è addù v'è addù v'è I piglia la scuppètta corre spara nzimma lu purtuàllo accére la mugliere I ehh ... m'a fattu troppo mo m'accisa pure a muglièrema I ricette I e figlieme accussì e m6 m'accisa pure a muglièrema I recette ma che t'avissi ngazzato? I eh ma certo ca me so ngazzàto I e che càspita m'acciso pure a mughèrema I recette allora fàmmete taglià lu naso ricette I pigliao iddo rumanette altezza I e chistu se nne iette ... ccu l'uorco.

 

La narrazione dialettale è tratta da:

IL DIALETTO DEL CILENTO NELLE FIABE CILENTANE RACCOLTE DALLA TRADIZIONE ORALE di Fernando La Greca 

Centro di Promozione Culturale per il Cilento 1994

Condividi 

Ti potrebbe anche interessare.........