La donna nella nicchia.

Cilento Reporter - Racconti davanti al fuoco

C’era una volta… nel leggere e nell’udire questa frase si torna tutti bambini, col pigiama, sotto le coperte oppure davanti al focolare con le nostre nonne e mamme dispensatrici di fiabe e favole diletto di tante serate per le quali della TV si poteva fare a meno. 

Ma perché le fiabe e le favole hanno un ascendente così forte? 

Quali sono le loro origini? Iniziamo con un distinguo necessario: la favola parla di animali antropomorfi che mettono a nudo i nostri vizi e le nostre virtù al fine di impartirci una lezione morale (cummari vorpe e cummari cuccipannedda), la fiaba, invece, ha per protagonisti esseri umani o creature fantastiche, come fate, streghe, gnomi, draghi ecc. e non ha necessariamente un fine morale, anche se il più delle volte si conclude con la vittoria dei buoni sui cattivi.

La fiaba nel racconto popolare Cilentano ha origini antichissime, essa nasce come semplice racconto orale, tramandato a voce di generazione in generazione. La fiaba esiste da sempre ed esisterà per sempre, perché l’uomo ha bisogno di raccontare e di ascoltare. 

 

La donna nella nicchia (A’femmena inta a nicchia)

Tre sorelle vivevano in miseria in una capanna nel bosco, si ritrovarono una sera davanti al focolare, a parlare dei loro desideri. La più piccola, bramava sposare il re, e se si fosse avverato, prometteva di dargli due gemelli un figlio con un pomo d'oro in mano e una figlia con una stella d'oro in fronte. Il re passando da lì, ascoltò i suoi discorsi e decise di sposarla. Dopo qualche anno, la giovane, mentre il re era lontano dal palazzo, diede alla luce due gemelli, un maschio ed una femmina, ma la madre del re che era stata sempre contraria a queste nozze, fece gettare i due gemelli nel fiume, mettendo al loro posto due nani.

Il re, tornò dal lungo viaggio, si accorse che i figli nati erano due nani storpi ed indignato fece murare la moglie in una nicchia in piazza, esposta al pubblico ludibrio. I gemelli intanto furono raccolti e allevati da un vecchio (Gesù). Fattisi adulti, riconobbero la madre nella nicchia e ne ebbero pietà. Invitati a pranzo dal re, sfuggendo anche ad un avvelenamento da parte della vecchia megera, fecero liberare la donna dalla nicchia, mentre la vecchia madre del re fuggì a gambe levate.


Ngèra na vòta tre sòre / e stiano int'a na capanna / e erano n' tanta e tanta miseria / ccu nu picchio re fuoco / accussì / se cagliendàvano / nu poco re fuoco / morte re friddo / n'avìano mango a che se mangiare.

Ricette la prima / ah se mme pigliasse lù cucchiére de llu rré / mme facesse na bbella passiàta nzimma a ch’era carrozza / ricette la seconda / si mme pigliasse chiru panettiere llu rré / chiru ca vaie a piglià lu ppane / sibbènga chera rròbba / chére muddiche ca rumanessero a tavula / le desse a le mie sorelle / e io moresse contenta / ricette la terza / e se io me pigliasse lu rré proprio / fosse cchiù mmèglio / re prumettesse ca re facesse rui figli / nu uaglione ccu nu prumo r 'oro mmano / e na picciòtta ccu na stella r'oro m’bronde. Lu rré / chera sera era iùto a passeggio / ppe la strata accussi / sendètte ca parlavano chere in d'a capanna / e stette a ssènde / poi sendètte ca re facìa li figli accussire / spendào la porta / e ricette / si tu mme fai li figli cumm'à ritto / io te sposo.

Veramènde / cumbinàru lu matrimonio / e se spusào a chera / la vecchia / la mamma llu rré / nunn’ era tandu cuntenda / rice mo te vai a piglià na villana / na cosa povera / mmece re te piglià una re na famiglia nobile / ma! / chiro p'avé li figli cume avia ritto / se spusào a chera.

Ngapu re n'anno / sta vecchia mettia sembe fuoco / attizzàva / facette parte lu figlio p'affari / ch esta rette a la luce rui gemelli / facette u' uaglione e la picciòtta / chiro ccu lu prumo r'oro mmano / e la picciotta ccu la stella r'oro mbronde / la vecchia li ppigliào e li ghiètte a ghiettà a lu iome / iètte Giésu Cristo e s'e ppigliào / e le crescètte indu a nu palazzo / tandu bello / pigliào chera / iètte a n gappà rui nanuozzuli / e le mettètte ind'a culla.

Quannu turnào lu figlio / recette uàrda che t'à fatto chera scellerata / mo te facÌa li figli ccu lu prumo r'oro mmano e la stella r'oro mbronde / vi / t'à fatto rui nanuozzuli / e tu nge crerivi / lu rré tandu sdegnato la pigliào / facette na nicchia ind'a nu muro / e la facette assettà ddà indo / e u' iuorno na tozza re pane e nu bicchiere r'acqua / e chiunghe passava ra ddà / r'avia sputà mbacci / tandu sdegnato.

Veramende / chera pover'e ddio stia a pane e acqua ddà indo / passàro vind'anni / li figli se facèro ruossi / tenìano nu palazzo / tandu bello / ièro a passà ddà nnandi / e berèro chera femmena ind'a nicchia / n'avèro tanda pena / la salutàro / s'inchinàro / ièro a la casa / e buliano sapé ra lu patre ddà / chiru viécchio ca li ccrescia / rece ma che è ccà / accussi,  accussi / chéra è vostra madre / e re facètte lu cundu lu viécchio / ma! / nui mo ama veré cume nne l'ama caccià ra ddà indo.

 


Tutti li iuorni iano a passare ppe sotta le ffenestre llu rré / lu rré le bberètte / tandu belli e tandu belli / recette ma tando aviana esse chiri figli miei mo / pigliào / li mmitào a pranzo ccu iddo / aviana ié a mangià ccu iddo / no / ricèro chiri uagliùni / tando venimo a pranzo ccu ttico / quannu cacci quella donna ra ind'a chiru muro / ma che nne l'avita fà / chera cosa schifosa / chera cosa fetènde / che nne la vu6 fà / e allora nun ge venimo a mangià ccu ti / allora / lu rré fu costretto / pigliào e la iètte a caccià.

Allora / ièro a la casa / rece / lu chiamavano papà a chiru viécchio / rece ama ié rimàni a mangià / figli miei / ricette u' viécchio / purtàtevi st'auceddùzzo / ca chéra la vècchia v'avveléna / se la pènza / e v'avveléna / si l'auciéddo mangia / mangiàti vui / si lu sterrécchia ccu lu père / vui nun tuccàti niéndi / ppecché chéro è avvelenato / veramende / ièro a mangià / cacciàro chera donna ra ind'a u muro, la llavàro tandu bella / la picciòtta la vestètte nòva / se l'assettàro mmiézzo / e se mettèro a mangià / allora tutti li servi serviano / a llora iètte chiro / cacciào l'auceddùzzo ra ind'a la sacca / iètte ccu lu perùddo / trùn trùn trùn trùn trùn e sterrecchiào tutte cose / recette non mangiat e / questa rròbba è avvelenata.


La vecchia / quannu verètte ca chiri l'avi ano conosciuto / lla paura se nne scappào / se nne scappào / allora poi re purtàro la rròbba bbòna / i servi / no / ca era la vecchia ca nge ia mettènno lu bbeléno / e allora l'auciéddo ticchiti ticchiti ticchiti ticchi ti ticchiti / na pizzulà ta ppe parte / e mangiava / rece mangiate / chesto è bbuono / recette chiro.

Quannu fu furnùtu re mangià / recette lu uaglione / io devo fare un discorso / va bene / ricette lu rré / eh signora maestà / rece / e ngi armào nu bello discorso / ricette è stata la signora nonna che .. . / n'è ghiuta a buttare / perché noi siamo i figli ... / noi siamo i tuoi figli / io sono lu uaglione / cacciào lu prumo r'oro ra ind'a la sacca / ccu lu prumo r'oro mmano / e chesta è mia sorella ccu la stella r 'oro mbr6nde / se llevào lu cappiéllo ra capo chera / la stella r 'oro mbr6nde / ccu certi capìddi tutti r 'oro tandu bella / chi facètte na fiammàta ppe tutta la càmmara.

Iètte lu rré / quandu su bbelli / questi sono i miei figli / a llora poi r ètte caccia a la vecchia ca la vulìa accére / ma nu la putètte truvà / e poi stèro felici e cuntenti / la mamma po' re chiri sanào e stette bbona / e stero tutti cuntiénti.

condividi

ti potrebbe interessare anche..........


Scrivi commento

Commenti: 0