Risotto ai fichi bianchi del Cilento

Per preparare questo  piatto utilizzeremo il  fico bianco del Cilento DOP  che per le sue pregevolissime caratteristiche si presta alla realizzazione di molti piatti sia dolci che salati.

Per la sua polpa  pastosa e il suo gusto dolce è particolarmente adatto alla realizzazione di questo primo piatto delicato, gustoso e genuino.

 

INGREDIENTI per 2 persone

 

  • 140 gr di riso vialone nano, o carnaroli
  • acqua salata o brodo vegetale leggero
  • tre cucchiai di olio extravergine DOP Cilento,  per il soffritto
  • mezza cipolla di Vatolla dorata
  • 3 fichi del Cilento DOP maturi ma sodi
  • pecorino Cilentano semistagionato, 
  • burro  per mantecare

PREPARAZIONE

 

Tritate la cipolla finemente. Tenete in caldo l’acqua (o il brodo): al momento dell’uso dovrà bollire.

Soffriggete dolcemente la cipolla nell’olio extravergine. Quando sarà appena colorata  versateci il riso ed alzate di poco la fiamma: deve tostare per un paio di minuti durante i quali lo dovrete mescolare ogni tanto.

A questo punto versate l’acqua a coprire il riso per circa tre volte il suo volume. Il bollore dovrà essere immediato.

 Lavare e tagliare i fichi in sei-otto spicchi, grattugiate  il pecorino: tre cucchiai colmi basteranno. Se  il riso si sta asciugando aggiungete un altro goccio d’acqua, assicuratevi che durante la cottura  il riso sia sempre bagnato.

 


Assaggiate e regolate di sale quasi a fine cottura ma  non esagerare perché dopo bisogna aggiungere  il pecorino.

Il riso dev’essere ancora ben al dente al momento di spegnere il fuoco e avrà bisogno di un minuto di riposo prima di essere mantecato. Aggiungete il burro freddo di frigo  e mescolate avanti e indietro per scioglierlo bene se si asciuga troppo aggiungete un goccio di  acqua calda.

 Mescolate velocemente amalgamando aria e aggiungendo il pecorino e i fichi.

Mescolare rapidamente avanti, indietro, a giro ( con un cucchiaio di legno, possibilmente quello col buco adatto proprio per mescolare il riso)   e se necessario aggiungete ancora una noce di burro.

Servite il risotto ancora al dente ma bello cremoso, quanto basta per spalmarsi da solo sui piatti. La presenza dei fichi aiuta perché  rilasciano un po’ di liquido.

 

Buon Appetito !!!

 

di Piera Savino          Seguimi su Facebook         Leggi altre ricette

condividi