Pastiera con ricotta di pecora.

E' un dolce tipicamente primaverile e  a Pasqua non manca mai sulle tavole dei Cilentani e non solo, infatti è diventata patrimonio di tutto il Paese.

Da tener presente che la pastiera, buona in tutte le stagioni, è però un classico dolce primaverile perché il gusto di questo dolce dipende dalla qualità e dal  tipo di ricotta utilizzata, l’ideale è utilizzare la ricotta di pecora del Cilento perché risulta più dolce e delicata e con una consistenza cremosa  e quasi spumosa. Il periodo migliore per una buona ricotta è proprio quello primaverile, in altri periodi dell'anno accade  che le pecore mangino un tipo diverso di erba e questo incide sulle caratteristiche della ricotta stessa.

Per la pastiera la pasta da utilizzare è una frolla "fine", questo per differenziarla dalla pasta frolla che viene utilizzata normalmente per altri dolci, infatti,  per la preparazione di questo dolce serve una pasta  più delicata.   

 

Ingredienti per due pastiere medie.

 

Per la pasta:

  • 500 gr di farina
  • 200 gr di zucchero -
  • 2 uova biologiche -
  • 200 gr di strutto - 
  • 2 gr di ammoniaca alimentare
  • scorze di limone bio grattugiato.ma costa troppo)

Per la farcia:

  • 500 gr di ricotta di pecora del Cilento
  • 500 gr di zucchero
  • 500 gr di grano cotto
  • 5 uova biologiche
  • 100 gr di frutta candita 
  •  vaniglia
  •  essenza di fiori d’arancio ( o gocce di Neroli )

Preparazione:

 

Si fa in primo luogo la "fontanella di farina" e  si aggiungono man man  gli ingredienti sopra indicati. Si mischia fino a quando la farina assorbirà il tutto. Impastare con mano leggera e far riposare per  almeno 24 ore.

Con un matterello preparare una sfoglia (o pettola) adagiarla nella teglia e  farla  aderire bene; con un coltello togliere la pasta in eccesso. Mettiamo da parte un po’ di impasto che ci servirà  per ricavare  delle striscioline  di 1 cm. da mettere  sopra la farcia della pastiera,  in modo da controllarne  la lievitazione nel forno; infatti queste striscioline  aiutano  a contenere  il tutto perché la pastiera  mentre cuoce tende a gonfiarsi, ma dopo la cottura torna alla sua forma originaria. In un recipiente mettere la ricotta, il grano, le uova sbattute, la frutta candita amalgamare bene il tutto.

 

Passiamo alla cottura della pastiera.

 

Nel forno va prevista una  temperatura  di  200° C; la pastiera va tenuta nel forno per un tempo che può variare dall'ora scarsa all'ora e mezza dipende dalle dimensioni della teglia che si raccomanda dovrà avere un bordo alto 6 cm. 

 

Buon appetito e Buona Pasqua !!

 

di Piera Savino                 Seguitemi sulla mia pagia Facebook                    Leggi altre ricette

condividi


Scrivi commento

Commenti: 0